FASE 1
Carotaggio della fondazione

La prima fase consiste nella realizzazione di un foro passante la fondazione del diametro di 64 mm, fino al raggiungimento del terreno sottostante la fondazione stessa.

 

FASE 2
Realizzazione ancoraggi e inserimento del micropalo

La fase successiva prevede la realizzazione di due ancoraggi ai lati del foro (barre in acciaio di diametro 20 mm) per il fissaggio alla fondazione del martinetto idraulico necessario per l’infissione. Il micropalo viene infisso attraverso il foro centrale mediante la pressione esercitata dal martinetto, servendosi dei due ancoraggi come contrasto. I moduli, di lunghezza 1 m, sono collegati tra loro con un giunto filettato in acciaio ad alta resistenza.

 


FASE 3
Infissione in profondità del micropalo

Il micropalo, dotabile di punta per facilitarne l’infissione, raggiunge in tal modo un terreno sufficientemente resistente da contrastare la pressione di infissione. Lungo la verticale LIFT PILE® produce un effetto di compattazione radiale del terreno che contribuisce ulteriormente ad incrementare la portata del micropalo stesso.

 


FASE 4
Inserimento del dispositivo di precarica regolabile

Una volta raggiunte la pressione e la profondità di progetto si installa il dispositivo di precarica regolabile per connettere e bloccare la testa del micropalo alla fondazione. 

 


FASE 5
Azionamento del dispositivo di precarica regolabile

Una volta bloccato, il dispositivo di precarica viene azionato mediante avvitatore dinamometrico, fino al raggiungimento dei valori di precarica di progetto oppure del livello di sollevamento desiderato.

 


FASE 6

Bloccaggio del micropalo

Al termine delle operazioni di precarica o di sollevamento, LIFT PILE® viene bloccato definitivamente all’interno della fondazione mediante colata di malte cementizie espansive ad alta resistenza per inghisaggi tipo MasterFlow 928.